SALSA CATALANA – le qualità del peperone

salsa_catalana-copiaE…di questa ne vogliamo parlare!!!?
La squisita piccante salsa catalana, ideale per crostini e tartine!
Ottenuta dai prodotti del nostro orto, sani e coltivati senza l’utilizzo di diserbanti e concimi chimici.
Pomodori, peperoni verdi, rossi e gialli, aglio e cipolla!
 
Proprietà salutari del peperone
La notevole presenza di vitamina C, di cui il peperone è più ricco anche rispetto agli agrumi (se lasciato crudo), ne fa un prodotto con caratteristiche salutari di vario tipo, in primo luogo antiossidanti: in effetti il peperone è la bacca che contiene, rispetto al peso, più vitamina C. Ma è molto rilevante anche la presenza di betacarotene, soprattutto nei peperoni rossi; e il frutto contiene anche varie vitamine del gruppo B. Oltre alle vitamine, sono presenti molti sali minerali, principalmente potassio, ma anche ferro, magnesio, calcio.
La notevole quantità di acqua e fibra determina un potenziale, lieve, effetto lassativo; le poche calorie ne fanno un cibo consigliato in caso di diete ipocaloriche. A differenza del peperoncino, ricco di capsaicina, il peperone contiene soprattutto una sostanza chiamata diidro capsiato. Notoriamente, il peperone può creare qualche difficoltà di digestione; per questo motivo è sconsigliato a chi ha problemi gastrici, soprattutto se persistono nonostante l’eliminazione della buccia, cioè della pellicola che riveste il frutto.

Valori nutrizionali
Per cento grammi di peperone rosso o giallo (il verde viene colto non ancora maturo, quindi ha caratteristiche lievemente differenti), il 92 per cento del peso è dovuto all’acqua; per il resto il peperone contiene il 4 per cento di zuccheri, il 2 di fibre, circa l’1 per cento di proteine. La vitamina C, di cui la bacca è particolarmente ricca, è presente in quantità di circa 190 mg nei peperoni gialli, i più ricchi. Le calorie sono, a seconda della varietà, tra 20 e 30 per etto. Ci sono circa 200 mg di potassio e 12 di magnesio; oltre alla vitamina C sono presenti le vitamine del gruppo B; i peperoni rossi sono ricchissimi di betacarotene (anche oltre 1600 mcg per etto).

MORETTA – proprietà delle more di gelso nero

moretta-copia4

 

Lo sapevate che….


…al Talento c’è un vecchio grande albero, un gelso (Morus celsa, della famiglia delle Moracee) che ci fa compagnia mentre ci riposiamo dal lavoro dei campi e ci protegge con la sua rigogliosa chioma quando fa caldo, d’estate.

In più ci regala tanti tanti buoni frutti (quest’anno quasi 3 quintali!)

more-di-gelso

I suoi frutti, le more di gelso nero, da maggio a luglio, maturano sui rami fino a cadere. Per non sprecarli e farli diventare invece una squisita confettura, noi mettiamo sotto al grande albero delle reti e ci occupiamo quotidianamente del raccolto.

E’ un albero che non ha bisogno di alcun tipo di trattamento, se non una semplice potatura annuale per ridimensionare la chioma globosa e agevolare la raccolta della frutta. E’ una pianta rustica, estremamente longeva e resistente, sia alle malattie, che alle temperature rigide dell’inverno.
Il gelso nero (Morus nigra) è originario dell’Asia minore ed era già noto nell’antica Grecia e nell’antica Roma, dove veniva coltivato per il sapore dei suoi frutti, dotati di un miglior equilibrio tra dolcezza e acidità. 
Le more del gelso nero, in passato, non solo venivano mangiate fresche, ma venivano utilizzate anche per produrre delle ottime confetture e una bevanda leggermente alcolica, molto simile al vino. 

Per quanto riguarda i valori nutrizionali,
il gelso è un frutto poco calorico (circa 40 kcal per 100g),
contiene buone quantità di ferro (circa 185 mg per 100 g) e
discrete quantità di potassio, manganese e magnesio.
Tra le vitamine troviamo piccole quantità di vitamina C,
vitamine del complesso B e vitamina K.

Valori nutrizionali per 100 g di more di gelso:

Calorie          kcal. 40
Acqua            % 87.2
Proteine       % 1.3
Carboidrati % 9.6
Grassi             % 0.3
Fibre               % 1.6


Le more di gelso nero, a differenza di quelle di gelso bianco, contengono alcune sostanze dalle spiccate proprietà antiossidanti. 
Tra queste i più importanti sono le antocianine (o antociani), dei pigmenti appartenenti al gruppo dei flavonoidi (responsabili del colore nero-violaceo del gelso nero) e il resveratrolo, un potente antiossidante, presente anche nell’uva e nel vino rosso, con proprietà cardioprotettive ed antitumorali. Una sostanza che, secondo alcune ricerche svolte su modelli animali, sarebbe in grado di allungare la vita dell’uomo.

Utile contro la carie

In passato il succo ricavato dalle more di gelso nero, veniva adoperato in forma di colluttorio per fare dei gargarismi. Sembra infatti che il succo di questi frutti sia particolarmente efficace in caso di infiammazioni della bocca e della gola e per prevenire la carie dentale.